SurSur Donnafugata Sicilia DOC Grillo 0,75lt

Dal colore giallo paglierino brillante, offre al naso un bouquet fresco con distinte note di frutta a polpa bianca (pesca e melone cantalupo) unite a sentori di fiori di campo e menta.

disponibile

Quantità

11,99

inf € al kg IVA inclusa

Consegna stimata Martedì 24/05 - Venerdì 27/05

SurSur Donnafugata, dal colore giallo paglierino brillante, offre al naso un bouquet fresco con distinte note di frutta a polpa bianca (pesca e melone cantalupo) unite a sentori di fiori di campo e menta.

SurSur Donnafugata in bocca è morbido, con un ritorno delle note fruttate unito ad una piacevole freschezza.

 

Annataper info annata contattaci!

Denominazione: Sicilia Doc Grillo

Varietà: Grillo

Zona di produzione: Sicilia Sud Occidentale, Tenuta di Contessa Entellina e territori limitrofi

A tavola: Da abbinare con panini gourmet, piatti della cucina vegetariana e primi di mare. Ottimo a 9 – 11°C°

Resa per ettaro: 75-85 q

Vinificazione: Fermentazione in acciaio, alla temperatura di 14-16°C.

Affinamento: affinamento in vasca per due mesi e almeno tre mesi in bottiglia prima di essere commercializzato

Alcool e dati analitici: alcol: 12.73% – acidità totale: 5.4 g/l – pH: 3.20

Longevità: Da godere nell’arco di 3 anni.

Prima annata: 2012

 

L’etichetta SurSur Donnafugata

Parola di chiara origine onomatopeica, significa “grillo” e deriva dalla lingua araba classica, un tempo parlata anche in Sicilia.

Solo qui si può ammirare un dettaglio fondamentale di “donna-fugata”: il suo piede, nudo sull’erba.

L’accenno di un movimento fa pensare al primo fatale piè sospinto dalla donna verso la fuga. L’etichetta ha la voce della primavera, con i suoi profumi e i suoi colori.

Racconta le fughe di Gabriella, bambina (fondatrice di Donnafugata insieme al marito Giacomo) che corre a piedi nudi tra i fiori e l’erba fresca, seguendo il canto dei grilli che alle sue orecchie suona dolce come mille “SurSur…”.

 

L’ESSENZA DI DONNAFUGATA

Vogliamo rappresentare nel mondo l’eccellenza artigianale e creativa del Made in Italy.

Vogliamo essere un’azienda familiare in moto perpetuo, esempio di una Sicilia del vino autentica e sostenibile.

 

COSA FACCIAMO

Donnafugata è fare sartoriale.

Concentriamo le nostre attenzioni su piccole produzioni di pregio da territori e vigneti unici.

Produciamo nel rispetto dell’ambiente, vini che convincono appassionati e collezionisti di tutto mondo.

 

PERCHE’ SCEGLIERCI

Donnafugata è un mondo ricco di colori e di valori senza tempo.

Etichette d’autore dal linguaggio fantastico e femminile identitario.

Vini dallo stile unico, piacevoli ed eleganti, capaci di rendere felice chi li assaggia.

 

LE PERSONE

Donnafugata nasce in Sicilia dall’iniziativa di una famiglia che, con passione, ha saputo innovare lo stile e la percezione del vino siciliano nel mondo.

Giacomo Rallo, quarta generazione di una famiglia con oltre 170 anni di esperienza nel vino di qualità, fonda Donnafugata nel 1983 insieme alla moglie Gabriella, pioniera della viticoltura in Sicilia.Oggi i figli José e Antonio guidano l’azienda e una squadra di persone orientata all’eccellenza.

 

JOSE’ RALLO

AD di Donnafugata, formazione economica ed esperienza nel controllo di gestione, con una forte passione per il marketing e la comunicazione aziendale.

Inventa un nuovo modo di raccontare il vino, nella veste di cantante del Donnafugata Music&Wine.

Riceve il Premio Bellisario 2002 per il suo contributo alla valorizzazione dell’imprenditoria femminile. È componente del CdA di Assovini Sicilia che raccoglie oggi oltre 90 tra le principali aziende vitivinicole siciliane.

 

IL NOME

Donnafugata non sarebbe l’azienda che è oggi se Gabriella le avesse dato un altro nome.

Il nome Donnafugata fa riferimento al romanzo di Tomasi di Lampedusa il Gattopardo.

Un nome che significa “donna in fuga” e si riferisce alla storia di una regina che trovò rifugio in quella parte della Sicilia dove oggi si trovano i vigneti aziendali.

Una vicenda che ha ispirato il logo aziendale: l’immagine della testa di donna con i capelli al vento che campeggia su ogni bottiglia.

Un volto che è anche quello di Gabriella Rallo, la “donnafugata” che abbandona il suo lavoro di insegnante per occuparsi a tempo pieno dei vigneti di Contessa Entellina.

Una delle prime donne in Sicilia a produrre vino in un settore tipicamente dominato da uomini: una pioniera della viticoltura di qualità al femminile.

Produzione: Marsala (TP) Sicilia – Italia.

Peso 1.3 kg