Natura

CHIAVE D'ACCESSO PER UN ANGOLO DI TRENTINO DA SCOPRIRE

VALLE DEL CHIESE E NATURA

Valle del Chiese e Natura

CHIAVE D’ACCESSO PER UN ANGOLO DI TRENTINO DA SCOPRIRE

Valle del Chiese e natura. E’ questo il binomio che permette alla valle trentina attraversata dal fiume Chiese, di offrire un ampio ventaglio di opportunità a tutti coloro che amano la montagna, sia che si tratti delle cime innevate del Ghiacciaio dell’Adamello, teatro della guerra bianca in Trentino, che dei suoi laghi alpini tra cui il Lago d’Idro.

Ad esprimere questo connubio di natura e scoperta è soprattutto la Valle di Daone con una fauna ed una flora rigogliosa.

A colorarla ci sono invece i campi di mais che danno vita alla farina gialla di Storo e i boschi.

Infine, il fiume Chiese e le tante cascate, oltre 140, che costellano l’intera vallata.

Insomma uno spettacolo per chi ama la natura, l’aria pura e la montagna.

Per maggiori informazioni contattare Consorzio Turistico Valle del Chiese

Tel. +39 0465 901217 – info@visitchiese.it

Valle del Chiese e Natura - Lago d'Idro

LAGO D’IDRO

UNO SPECCHIO D’ACQUA DI PICCOLE DIMENSIONI, MA DI INTENSE EMOZIONI

Con i suoi 12 km di lunghezza e le sue acque cristalline, il Lago d’Idro è sicuramente il luogo ideale per trascorrere le proprie vacanze in mezzo alla natura incontaminata. Incastonato tra monti e boschi selvaggi, questo lago sul confine tra Lombardia e Trentino è ritenuto un vero gioiello, uno specchio lacustre dove la montagna incontra un turismo sostenibile e rispettoso.

Le sponde trentine del Lago d’Idro rappresentano anche il limite naturale della Valle del Chiese; da qui sono passati popoli, eserciti e culture che hanno lasciato alle due Regioni fortificazioni, castelli e luoghi di rilevanza storica ed artistica oggi visitabili.

Le acque del lago sono interamente balneabili e la loro temperatura mite permette lunghe nuotate per tutta l’estate fino a settembre inoltrato. Ogni anno sulle sponde del Lago d’Idro si ritrovano appassionati di surf, vela, canoa, ma anche famiglie che qui possono trovare campeggi e spiagge adatte ad una vacanza con bambini lontana dalla frenesia delle città. In acque così pulite trovano habitat ideale molte specie di pesci e, di conseguenza, sono tanti i pescatori che pescano nella quiete della natura lacustre.

Il clima ventilato garantisce inoltre riparo dalla calura e crea quindi le condizioni perfette per chi vuole cimentarsi in escursioni d’alta quota, macinare km in bicicletta o mtb, arrampicarsi sulle falesie o agganciare i moschettoni sulla ferrata a picco sul lago!

Valle del Chiese e Natura - Lago di Roncone

LAGO DI RONCONE

UNO SPECCHIO D’ACQUA DI PICCOLE DIMENSIONI, MA DI INTENSE EMOZIONI

Il Lago di Roncone, assieme al Lago d’Idro, è uno tra i laghi prealpini più noti della Valle del Chiese.

Un lago alpino, incastonato tra prati e faggeti, che permette di essere scoperto grazie ad un percorso suggestivo e totalmente immerso nella natura. A costeggiarlo, per gli amanti della bicicletta, c’è anche la pista ciclabile.

Dal 2017 questo lago ha ottenuto dalla FEE (Foundation for Environmental Education) la Bandiera Blu per la qualità delle acque, il turismo sostenibile, la gestione dei rifiuti e la valorizzazione delle aree naturalistiche.

PER LE FAMIGLIE

Il Lago di Roncone permette di passare una vacanza per famiglie a tutto tondo. Diverse le attività che il lago “propone”: si va dal minigolf al tennis passando per un parco giochi  e diverse aree di sosta e picnic. I suoi pontilli di legno ospitano inoltre molti pescatori.

Barocco nel Chiese

Il comune di Sella Giudicarie, precisamente la frazione di Roncone, ospita inoltre la chiesa di Santo Stefano dove gli amanti dell’arte, possono ammirare il suo organo e le pregevoli opere lignee dell’intagliatore locale Giovan Battista Polana.

Valle del Chiese e Natura - Valle Giudicarie

LE GIUDICARIE

DAL LAGO D’IDRO ALLE DOLOMITI DI BRENTA

Le Giudicarie sono un territorio che si sviluppa nel Trentino occidentale e che si distende attorno le Dolomiti di Brenta dal Lago d’Idro a Madonna di Campiglio e dal Lago di Molveno a Comano Terme nelle Giudicarie esteriori fino al Ballino, la porta sul Garda. La Valle del Chiese coi suoi Comuni copre 435 km2 delle Giudicarie, quasi la metà dell’intero territorio. Questa vasta area del Trentino offre innegabilmente molti punti di forza tutti da scoprire.

Tante attività per gli sportivi!

La ricchezza di acqua delle molte valli, affiancata ad un centinaio di laghi e laghetti alpini, fanno delle Giudicarie un vero e proprio paradiso per la pesca in Trentino. Ma non solo, il vasto territorio delle Giudicarie offre anche tutto quello che serve per praticare gli sport più avventurosi e adrenalinici: molti sono i percorsi MTB che si sviluppano lungo prati, boschi e pascoli d’alta quota, lungo belle strade forestali e storiche mulattiere risalenti alla Prima Guerra Mondiale, come nel caso del Giro dell’Orizzonte. Altrettante sono anche le possibilità di praticare ferrate e arrampicare falesie.

Ma non bisogna dimenticare altri sport come lo scialpinismo o il canyoning e, in particolare, le escursioni trekking, con una miriade di itinerari nella natura da svolgere tra i rifugi e le selvagge montagne del Parco Naturale Adamello Brenta. A proposito, non possiamo non segnalare la Val di Fumo, la meravigliosa vallata alpina che si sviluppa ai piedi del Carè Alto, definita da molti il Canada Trentino.

Scopri tutte le attività outdoor!

…ma anche relax per le famiglie!

Le Giudicarie sono però anche perfette per le famiglie: tante le piste ciclabili e i luoghi dove rilassarsi, magari gustando i prodotti tipici della zona come nel caso della Spressa delle Giudicarie. Per i più grandi poi, è possibile scoprire le tante proposte culturali che solo le Giudicarie possono offrire: dai segni lasciati dalla Grande Guerra ai tanti castelli e a tutte le tradizioni rurali tipiche di queste valli che vanno a formare un vero ecomuseo.

Valle del Chiese e Natura - Parco Naturale Adamello Brenta

PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA

620 KMQ DI FLORA E FAUNA PROTETTA

Il Parco Naturale Adamello Brenta è un parco che si estende tra il gruppo delle Dolomiti di Brenta e l’Adamello del quale la Valle del Chiese fa parte per 45km2 circa grazie alla sua magnifica Val di Fumo in Valle di Daone. Il Parco Naturale Adamello Brenta è il più grande del Trentino; lungo le sue valli è possibile compiere passeggiate ed escursioni più impegnative.

Come accedere al Parco

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha molte possibilità di accesso, essendo veramente vasto. Il modo più veloce per arrivarci da Brescia è quelli di percorrere la Valle del Chiese quindi la Valle di Daone fino al Lago di Malga Bissina; dalla diga, con una bella passeggiata, si può facilmente raggiungere la Val di Fumo nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta.

Panorami e fauna

Pur non essendo un parco nazionale l’Adamello Brenta offre ai suoi visitatori un variegato panorama di paesaggi: si va dalle zone umide del fondovalle alle foreste e alle pareti delle Dolomiti di Brenta.

Ambienti arricchiti da una flora e una fauna tra le più ricche di tutte le Alpi: troviamo infatti lo stambecco e l’orso bruno, ma anche specie di fiori introvabili, o quasi, altrove.

Per conoscere meglio questi luoghi, al di là delle escursioni,il Parco ha disposto di una serie di Case del Parco, che trattano e approfondiscono alcuni temi specifici. Temi e percorsi affascinanti dedicati alla natura, alla storia del territorio e delle sue genti.

Il tutto in chiave moderna grazie all’utilizzo di pannelli espositivi, filmati, ricostruzioni realistiche, attività interattive, diorami, animali naturalizzati, libri e giochi multimediali.

Valle del Chiese e Natura - Altopiano di Boniprati

ALTOPIANO DI BONIPRATI

UNA DISTESA VERDEGGIANTE PUNTEGGIATA DA CASE DI MONTAGNA

L’Altopiano di Boniprati, nel comune di Pieve di Bono- Prezzo, è una grande distesa verdeggiante, in passato dedicata all’alpeggio, caratterizzata da colori sgargianti. 

Una località della Valle del Chiese che ben si presta ad attività sportive ed escursioni in Trentino di diversa difficoltà: si va dalle tranquille e rilassanti passeggiate fra i boschi e i prati dell’altipiano, ai molteplici percorsi in quota.

Nel mezzo di questa distesa si trova anche una piccola laguna che ospita girini e libellule.

A spezzare il verde dei prati ci sono poi le antiche dimore degli allevatori, oggi bellissimi rustici.

.

Come accedere al Parco

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha molte possibilità di accesso, essendo veramente vasto. Il modo più veloce per arrivarci da Brescia è quelli di percorrere la Valle del Chiese quindi la Valle di Daone fino al Lago di Malga Bissina; dalla diga, con una bella passeggiata, si può facilmente raggiungere la Val di Fumo nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta.

Panorami e fauna

Pur non essendo un parco nazionale l’Adamello Brenta offre ai suoi visitatori un variegato panorama di paesaggi: si va dalle zone umide del fondovalle alle foreste e alle pareti delle Dolomiti di Brenta.

Ambienti arricchiti da una flora e una fauna tra le più ricche di tutte le Alpi: troviamo infatti lo stambecco e l’orso bruno, ma anche specie di fiori introvabili, o quasi, altrove.

Per conoscere meglio questi luoghi, al di là delle escursioni,il Parco ha disposto di una serie di Case del Parco, che trattano e approfondiscono alcuni temi specifici. Temi e percorsi affascinanti dedicati alla natura, alla storia del territorio e delle sue genti.

Il tutto in chiave moderna grazie all’utilizzo di pannelli espositivi, filmati, ricostruzioni realistiche, attività interattive, diorami, animali naturalizzati, libri e giochi multimediali.

Valle del Chiese e Natura -Val di Fumo

VAL DI FUMO

LA NATURA PIÙ AUTENTICA E SELVAGGIA…

Grazie a circa 30 chilometri di natura rigogliosa e selvaggia la Val di Fumo è una tra le più affascinanti valli trentine.

Proprio per queste sue caratteristiche e essendo inserita nel Parco Naturale Adamello Brenta, questa estensione della Valle di Daone verso il gruppo dell’Adamello conta un gran numero di escursioni in Trentino itinerari in Val di Fumo.

A coronarla sono le vedrette collegate al grande ghiacciaio della Lobbia (Val Genova), che danno vita al fiume Chiese. Ed è proprio quest’ultimo ad attraversare questo ambiente naturale incontaminato tra stupendi cespugli di rododendro.

Alle sue porte si trova il Rifugio Val di Fumo, aperto al pubblico nel 1960 che, dalla sua posizione attuale ovvero rialzata, domina la conca della malga Val di Fumo e all’inizio dell’estate si trasforma in uno stupendo giardino fiorito.

Verso meridione l’occhio spazia invece oltre la diga di malga Bissina, per poi perdersi sulle pendici del Monte Re di Castello e dei versanti boscosi sopra malga Boazzo e la Valle di Daone. Verso nord lo sguardo è attirato dalla tipica forma a U, che racconta le origini glaciali della Val di Fumo e della Conca delle Levade. A proteggere i suoi fianchi sono infine i “coster” di roccia tonalitica, frastagliati in una serie di innumerevoli denti.

Una località della Valle del Chiese che ben si presta ad attività sportive ed escursioni in Trentino di diversa difficoltà: si va dalle tranquille e rilassanti passeggiate fra i boschi e i prati dell’altipiano, ai molteplici percorsi in quota.

Nel mezzo di questa distesa si trova anche una piccola laguna che ospita girini e libellule.

A spezzare il verde dei prati ci sono poi le antiche dimore degli allevatori, oggi bellissimi rustici.

.

Come accedere al Parco

Il Parco Naturale Adamello Brenta ha molte possibilità di accesso, essendo veramente vasto. Il modo più veloce per arrivarci da Brescia è quelli di percorrere la Valle del Chiese quindi la Valle di Daone fino al Lago di Malga Bissina; dalla diga, con una bella passeggiata, si può facilmente raggiungere la Val di Fumo nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta.

Panorami e fauna

Pur non essendo un parco nazionale l’Adamello Brenta offre ai suoi visitatori un variegato panorama di paesaggi: si va dalle zone umide del fondovalle alle foreste e alle pareti delle Dolomiti di Brenta.

Ambienti arricchiti da una flora e una fauna tra le più ricche di tutte le Alpi: troviamo infatti lo stambecco e l’orso bruno, ma anche specie di fiori introvabili, o quasi, altrove.

Per conoscere meglio questi luoghi, al di là delle escursioni,il Parco ha disposto di una serie di Case del Parco, che trattano e approfondiscono alcuni temi specifici. Temi e percorsi affascinanti dedicati alla natura, alla storia del territorio e delle sue genti.

Il tutto in chiave moderna grazie all’utilizzo di pannelli espositivi, filmati, ricostruzioni realistiche, attività interattive, diorami, animali naturalizzati, libri e giochi multimediali.

Valle del Chiese e Natura - Valle di Daone

VALLE DI DAONE

UNA PALESTRA A CIELO APERTO

La Val di Daone, che prense il nome dal comune di Daone, ora Valdaone, si distende su 30 chilometri. Nasce tra i ghiacci dell’Adamello e sfocia nel fiume Chiese passando per la diga di Bissina

Le cascate

Il fascino delle cascate della Valle di Daone è indubbio durante la bella stagione ma lo è altrettanto in inverno quando le cascate infatti si trasformano nel paradiso degli appassionati di arrampicata su ghiaccio.

I laghi e le malghe

Accanto ad una flora ed una fauna rigogliosa questa valle del Trentino è costellata da un buon numero di laghi alpini:

  • il lago di Bissina e la malga Bissina;
  •  il lago di Boazzo e la malga di Boazzo;
  • il lago Nero (o lago Scuro) posto a 2150 metri ai piedi del Monte Bruffione;
  • il lago di Campo (1944 m);
  • il lago di Copidello (1968 m);
  • il lago di Casinei (2060 m).

Tra le su valli laterali più famose c’è infine la Valle di Fumo che si apre subito dopo la diga di Bissina.

Valle del Chiese e Natura - Val di Breguzzo

VAL DI BREGUZZO

MONTAGNE, TORRENTI E AVVENTURA A CIELO APERTO

La val di Breguzzo è una delle maggiori valli laterali delle Giudicarie inferiori nel Parco Naturale Adamello Brenta, appartiene al bacino idrografico del Sarca, è percorsa dal torrente Arnò, suo affluente di destra, che nella parte alta si divide in due corsi distinti: l’Arnò ed il Roldòne. La successione di cime di natura cristallina che la delimitano appartiene al Gruppo dell’Adamello-Sottogruppo del Breguzzo.

L’ ambiente

La Val d’Arnò è la principale laterale della Val Breguzzo. Percorsa dal torrente Roldòne, presenta un paesaggio alpestre segnato da una serie di cascate e dagli alpeggi di Arnò e Maggiasone. Sopra l’Alpe Maggiasone, il Passo del Frate (2246 m) la mette in comunicazione con la Valbona e la Val Daòne. Attraverso il Passo d’Arnò si scende invece in Val Danèrba.

Come raggiungerla

Dall’abitato di Breguzzo si sale alla stretta di Sasèl fino al rifugio Limes; dal rifugio una strada sulla destra sale fino ai prati in località Malga Sole, sulle pendici del Monte Cengledino, da cui è possibile scendere verso Tione. Dopo il rifugio Pont’Arnò la valle si apre e si prosegue per Malga Stablei e Malga Acquaforte (1371 m), nei dintorni della quale c’è una sorgente minerale, e infine Malga Trivena (1630 m).

Il Parco Avventura della Val di Breguzzo

Nel cuore della valle inoltre si trova il Breg Adventure Park, un parco avventura in Trentino in grado di offrire emozioni e grande divertimento in tutta sicurezza, grazie a percorsi di abilità, teleferiche mozzafiato, passerelle e ponti tibetani che collegano un albero all’altro.

Valle del Chiese e Natura - Le Malghe

LE MALGHE

ERBA FRESCA, ARIA FRIZZANTE E PURA, ANIMALI LASCIATI IN LIBERTÀ…

Data la conformità delle valli laterali della Valle del Chiese non ci si stupisce che le stesse ospitino alcune delle più accoglienti malghe in TrentinoÈ qui, sui pascoli di alta montagna che gli animali possono essere portati all’alpeggio regalando ai prodotti caseari un sapore inconfondibile.

La ricetta base dei prodotti genuini nasce in alta quota nei territori di montagna. La pratica dell’alpeggio è radicata nei secoli: sulle montagne i bovini si ossigenano e brucano erba genuina e per questo i prodotti di malga hanno un sapore che si riconosce subito, al primo assaggio, che ci parla di genuinità ed autenticità. 

In Valle del Chiese è possibile visitare moltissime malghe, che nel periodo estivo, grazie al progetto “Malghe Aperte” accolgono numerosi ospiti e visitatori, desiderosi di partecipare alla vita in malga: dalla mungitura alla produzione dei formaggi di malga trentini.
Per le famiglie, inoltre, sarà possibile partecipare a laboratori creativi, dedicati ai bambini.

Ogni malga offre la possibilità di vedere da vicino i propri animali caratteristici: mucche, caprette, cavalli, asinelli e animali da cortile. Inoltre, sarà possibile assistere alla caseificazione ed acquistare i prodotti genuini di malga.

QUANDO

Dal 21 luglio 2019 al primo settembre: aperte tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00

DOVE

  • Malga Table (Castel Condino)
  • Malga Baite (Pieve di Bono-Prezzo)
  • Malga Nudole (Valdaone)
  • Malga Alpo di Storo (Storo)
  • Malga d’ Arnò (Sella Giudicarie)
  • Malga Caino ( Borgo Chiese) 
Valle del Chiese e Natura - Cima Tombea

CIMA TOMBEA

PARADISO BOTANICO

Cima Tombea: uno splendido giardino botanico. Possiamo descrivere così questo paradiso botanico che è custode, allo stesso tempo, di leggende e patrimonio naturalistico.

Oltre a poter ammirare interessanti formazioni geologiche ed una grande varietà di fiori, da Cima Tombea, la cima delle tombe, si gode di un immenso panorama: lo sguardo spazia da tutto l’Adamello fino alla Presanella, il Gruppo di Brenta, le montagne trentine fino alle dolomiti della Val di Fassa, il Lago di Garda e l’Appennino.

Valle del Chiese e Natura - I Biotopi

I BIOTOPI

LUOGHI DI VITA

Accanto ai parchi naturali trentini la tutela di alcuni degli ambienti più delicati della Valle del Chiese passa per le aree protette, ovvero i biotopi. Un tempo molto diffusi ed oggi assai rari questi “luoghi di vita” permettono di preservare ecosistemi (stagni, paludi e torbiere) dove vivono piante e animali minacciati da estinzione.

Volete scoprirli insieme a noi?

Biotopo Lago d’Idro

Il Biotopo del Lago d’Idro rappresenta ciò che rimane della vasta zona umida che un tempo occupava la parte settentrionale del lago, in gran parte bonificata a partire dal 1848.
E’ qui che si può trovare una grande presenza di uccelli acquatici e migratori, sia stanziali che di passo o svernanti.
Questo biotopo è il “regno” dello Svasso maggiore, ma anche delle Folaghe, delle Gallinelle reali, dei Porciglioni, dei Tarabusini, dei Nitticore, degli Aironi cenerini, dei Martin pescatori, degli Usignoli di fiume, degli uccelli di canna e molti altri. Degna di nota, presso la località Idroland, è inoltre la presenza dell’Upupa e di una numerosa colonia di Rondini.
Animali e ambienti che è possibile osservare grazie ad un sentiero ciclo-pedonale che permette di comprenderne le caratteristiche e, allo stesso tempo, di rispettare il suo delicato equilibrio.

N.B.: Il lago d’Idro, pur essendo il più piccolo tra i grandi laghi prealpini (Lago Maggiore, Lago di Lugano, Lago di Como, Lago d’Iseo e Lago di Garda), è il più alto.

Biotopo Palù di Boniprati

Il Biotopo di Palù di Boniprati è una torbiera che ospita specie vegetali di grande interesse.
Per quanto riguarda la fauna in questo ambiente vivono la rana di montagna, il rospo comune e la biscia dal collare.
Per rispettare i suoi abitanti e questo biotopo trentino c’è un “sentiero di vista”.

Biotopo Paludi di Malga Clevet, Val di Daone

Il Biotopo Paludi di Malga Clevet, in Valle di Daone, è composto da 9 zone umide collegate tra loro ed inserite in un bosco di larice.
Le sue piccole torbiere e i suoi laghetti impaludati ospitano molti anfibi, rettili e insetti dai colori smaglianti.

VALLE DEL CHIESE

TRENTINO DA SCOPRIRE